.
Annunci online

  GraficandoconSognografica [ Le immagini sono state trovate nei vari siti web. Se per errore ho inserito immagini coperte da copryright prego i rispettivi proprietari di comunicarmelo e provvederò a eliminarle. ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


Video su Youtube : Va dove ti porta il cuore
Il fantastico mondo di Sognografica
Graficamagica

cerca
letto 225627 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


23 agosto 2009

Poesie di Pablo Neruda del 23/08/2009

 
Se tu dimentichi – Pablo Neruda

Tu sai com’è questa cosa.
Se guardo la luna di cristallo, il ramo rosso
del lento autunno alla mia finestra,
se tocco
vicino al fuoco
l’impalpabile cenere
o il rugoso corpo della legna,
tutto mi conduce a te,
come se ciò che esiste,
aromi, luce, metalli,
fossero piccole navi che vanno
verso le tue isole che m’attendono.

Orbene,
se a poco a poco cessi di amarmi
cesserà d’amarti a poco a poco.
Se d’improvviso mi dimentichi,
non cercarmi, ché già
ti avrà dimenticata.

Se consideri lungo e pazzo il vento
di bandiere che passa per la mia vita
e ti decidi a lasciarmi alla riva del cuore
in cui affondo le radici,
pensa
che in quel giorno, in quell’ora,
leverà in alto le braccia
e le mie radici usciranno
a cercare altra terra.

Ma
se ogni giorno,
ogni ora
senti che a me sei destinata con dolcezza implacabile.
Se ogni giorno sale alle tue labbra un fiore a cercarmi,
ahi, amor mio, ahi mia,
in me tutto quel fuoco si ripete,
in me nulla si spegne né si dimentica,
il mio amore si nutre del tuo amore, amata,
e finché tu vivrai starà tra le tue braccia
senza uscir dalle mie.



LLentamente Muore
Pablo Neruda
rd

Lentamente muore
chi diventa schiavo dell'abitudine,
ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi,
chi non cambia la marcia,
chi non rischia e cambia colore dei vestiti,
chi non parla a chi non conosce.

Muore lentamente chi evita una passione,
chi preferisce il nero su bianco
e i puntini sulle "i"
piuttosto che un insieme di emozioni,
proprio quelle
che fanno brillare gli occhi,
quelle che fanno
di uno sbadiglio un sorriso,
quelle che fanno battere il cuore
davanti all'errore e ai sentimenti
Lentamente muore
chi non capovolge il tavolo,
chi e' infelice sul lavoro,
chi non rischia la certezza
per l'incertezza per inseguire un sogno,
chi non si permette
almeno una volta nella vita
di fuggire ai consigli sensati.
Lentamente muore chi non viaggia,
chi non legge,
chi non ascolta musica,
chi non trova grazia in se stesso.
Muore lentamente
chi distrugge l'amor proprio,
chi non si lascia aiutare;
chi passa i giorni a lamentarsi
della propria sfortuna o
della pioggia incessante.
Lentamente muore
chi abbandona un progetto
prima di iniziarlo,
chi non fa domande
sugli argomenti che non conosce,
chi non risponde
quando gli chiedono
qualcosa che conosce.
Evitiamo la morte a piccole dosi,
ricordando sempre che essere vivo
richiede uno sforzo
di gran lunga maggiore
del semplice fatto di respirare.
Soltanto l'ardente pazienza porterà
al raggiungimento
di una splendida felicita'.



Perchè tu mi oda
Pablo Neruda

le mie parole
a volte si assottigliano
come le orme dei gabbiani sulle spiagge.
Collana, sonaglio ebbro
per le tue mani dolci come l'uva.
Collana, sonaglio ebbro
per le tue mani dolci come l'uva.
E le vedo lontane le mie parole.
Più che mie esse son tue.
Si arrampicano sul mio vecchio dolore come l'edera.
Si arrampicano così sulle pareti umide. 
Sei tu la colpevole di questo gioco sanguinoso.
Esse fuggono dal mio rifugio oscuro.
Tu riempi tutto, tutto.
Prima di. te popolarono la solitudine che occupi, 
e sono abituate più di te alla mia tristezza. 
Ora voglio che dicano ciò che voglio dirti.
Perché tu oda come voglio che m'oda



Questa volta lasciami
essere felice,
non è successo nulla a nessuno
non sono in nessun luogo,
semplicemente
sono felice
nei quattro angoli
del cuore, camminando.
Che posso farci, sono
felice,
sono più innumerabile
dell'erba
nelle praterie,
sento la pelle come un albero rugoso,
di sotto l'acqua,
sopra gli uccelli,
il mare come un anello
intorno a me,
fatta di pane e pietra la terra
l'aria canta come una chitarra.

Pablo Neruda






















    

 




permalink | inviato da sognografica il 23/8/2009 alle 0:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia            settembre